Aspettando l’alba

Aspettando l'alba di Marco Conti

 Marco Conti è nato a Romano di Lombardia (BG).
La scrittura è una passione che lo accompagna da sempre e che lo ha portato
a creare anche un blog (marcoscrive.wordpress.com),
uno spazio personale su cui scrivere e condividere le sue passioni, idee
e dove poter trovare tutti i suoi racconti.
Oltre Aspettando l’alba ha scritto anche altri due libri:
In equilibrio sopra la follia e L’anima non si arrende.

DESCRIZIONE

Matteo vive e cresce nella provincia di Bergamo, sereno e spensierato anche se nell’umiltà della famiglia da cui riceve i valori della vita. L’infanzia e l’adolescenza trascorrono tra amici e avventure, profumi e luoghi indelebili nel tempo; il primo amore, indimenticabile. Dopo che il destino gli ha interrotto bruscamente i sogni, il protagonista decide di trasferirsi a Roma, dove consegue la laurea in giornalismo; l’obiettivo raggiunto gli farà capire l’importanza degli insegnamenti avuti dal padre. La dignità e i sacrifici sono al primo posto nella vita lavorativa, Matteo lo sperimenta presto; tuttavia il destino si intromette nuovamente dandogli una spinta notevole verso il successo. Accettare o rinunciare? Credere nel valore di un lavoro che lo avrebbe portato ai vertici o credere nel valore di una vita onesta e dignitosa? Ambizione o modestia?
Domande e dubbi che diventano un esame di coscienza, tra situazioni inaspettate, amicizie interrotte e un amore perduto.

LASCIO CHE IL LIBRO SI PRESENTI

FAMIGLIA: Umili ma più che dignitosi, li devo ringraziare, i miei genitori hanno contribuito massicciamente a quello che sono e sarò.
Bastava poco per essere felici, bastava che il profumo del sugo che mia madre preparava ogni venerdì si fosse propagato per tutta la casa o ancora che mio padre tornasse dal lavoro con un pacchetto di cioccolatini preso al bar, per farmi star bene, per darmi quella sicurezza e quella serenità che non ha prezzo.

AMICI: L’idea di un viaggio insieme venne vista da tutti come un coronamento di un gran bel periodo che prima o poi (e questo lo sapevamo tutti, ma nessuno aveva il coraggio di ammetterlo) sarebbe dovuto finire.

LA SVOLTA: Quanta strada avevo percorso con i miei colleghi che ora salutavo e lasciavo alle mie spalle pronto a iniziare l’avventura della vita, quella che mi avrebbe permesso il salto di qualità che da tempo auspicavo.

L’ALBA: Fu una giornata incredibile che terminai con una lunga passeggiata solitaria per poi sdraiarmi nei giardini di Villa Borghese dove, aspettando l’alba, ascoltai la serenità che avevo dentro e che per la prima volta mi regalava attimi di pace impagabili.

LA MIA OPINIONE SUL LIBRO

L’ultima frase del libro mi ha commossa e lasciata ferma a riflettere per qualche secondo; vedevo le immagini e desideravo abbracciare quel ragazzo, diventato uomo.
Marco Conti, autore di questo libro, ci regala un racconto bello, emozionante e ricco di sentimento. Narrato come una testimonianza di vita, ben scritta, lettura scorrevole senza mai annoiare il lettore, se non per qualche eccesso di particolari che però è servito per caratterizzare il personaggio principale, rispettando la cronologia degli avvenimenti.
Ho avuto la sensazione di stare di fronte al protagonista ad ascoltare le sue ambizioni e determinazioni, quale filo conduttore della storia. Il suo primo desiderio rendere orgoglioso un padre amorevole, che con umiltà e dignità si era sacrificato per il figlio.
Le immagini che l’autore rievoca sono di una tenerezza commovente, spaccati di vita quotidiana tra padre e figlio, rispetto e ammirazione reciproca; scelte di vita non sempre appoggiate, ma rispettate anche quando il destino sconvolge il ragazzo portandolo presto alla maturità, ma lasciandogli nel cuore il ricordo degli amici e del primo amore.
Con sacrificio, come insegnatogli dal padre, raggiunge altri obiettivi; vola alto, sente il vortice del successo e il profumo dei soldi. Ma quando tutto sembra essere la cosa giusta, gli viene presentato il conto dalle persone a lui care. Inizia qui l’esame di coscienza, con avvenimenti che metteranno in dubbio la sua moralità.
È scosso, Matteo, il protagonista; l’autore lo presenta nella sua ingenuità, sconvolto nell’animo. Ma non demorde, va avanti per salvaguardare tutto ciò che si è guadagnato. In tutto questo, scopre anche l’amore ma anche in questo caso ci sarà un prezzo da pagare.
Combattuto tra il lavoro frenetico e cinico e il romanticismo per un amore nascente, quando la coscienza lo mette alle strette, troverà inaspettate le risposte alle sue numerose domande, e sarà proprio in quel momento che scoprirà la sua più grande ambizione disperatamente bramata.
Ottima lettura, ottima trama e tema, tanti sono i punti di riflessione. Testimonianza di vita alla ricerca di felicità e sicurezza, che ognuno può trovare dentro se stesso grazie all’amore ricevuto; anche con le avversità è un germoglio che maturerà per dare i suoi frutti migliori quando meno ce lo si aspetta, e il finale sarà sempre emozionante.

Recensione a cura di Maria Rita Sanna

Per acquistare Aspettando l’alba di Marco Conti clicca sull’immagine sottostante

Aspettando l'alba di Marco Conti

This entry was posted in Recensioni and tagged , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

One Response to Aspettando l’alba

  1. Stefania Convalle says:

    Brava, Maria Rita! Bella recensione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *