L’altra

 

Tania Mignani, autrice bolognese, ha già al suo attivo premi e pubblicazioni:
vincitrice della sezione racconti nel Premio Letterario “Dentro l’amore” 2016;
seconda classificata, sezione racconti nel Premio Letterario “Dentro l’amore” 2017.
Ama cimentarsi nella narrativa prediligendo la formula del racconto,
è infatti presente con alcuni di essi in prestigiose raccolte quali “Racconti Bolognesi”
e le antologie del premio letterario “Dentro l’amore”.
L’altra è pubblicato da Edizioni Convalle.

DESCRIZIONE

Una raccolta di racconti che esplorano il sentimento dell’amore in chiave realista dove, ad ogni riga, il lettore viene messo di fronte alla realtà di certi amori.
Storie di vita, con sfumature a tratti noir, dove l’ironia regna sovrana anche nella drammaticità degli eventi descritti. Uno sguardo, quello di Tania, disincantato, che ci parla d’amore in modo inusuale e assolutamente originale.
Una raccolta di racconti in cui molti di noi troveranno se stessi, si rispecchieranno.
Chi è L’altra? Chi o cosa rappresenta?
Tania Mignani affronta quello che ancora oggi, in alcuni casi, rappresenta un tabù. Lo fa con naturale schiettezza e profonda onestà.

 

LASCIO CHE IL LIBRO SI PRESENTI

 

 SOLO UN MOMENTO: Sa cosa vorrei, Dottore, sa qual è la cosa che desidero di più al mondo? Vorrei avere la facoltà di rivivere un momento, uno solo, Dottore e avere il potere di cambiarlo. Perché, a volte, basta un solo istante per modificare il nostro destino. Gesti abituali, ripetuti all’infinito, che contribuiscono a creare una situazione e ci conducono al compimento del nostro futuro. Ma questo futuro, il nostro destino, Dottore, è già scritto? Oppure non è altro che la proiezione all’infinito di causa-effetto-causa-effetto-causa-effetto-causa-effetto…

CARA MOGLIE: …mi sveglio in un letto non mio, non nostro e ti penso, consapevole del fatto che sia alquanto irriverente nei tuoi confronti, in questo contesto. Il profumo del caffè mi raggiunge, non riesco a non pensarti, non riesco a non pensare alle mille bugieche ti racconto per trascorrere più tempo con lei. Ti dico che rientro con un giorno di ritardo da un viaggio di lavoro, invece rientro il giorno stesso per passare la notte qui. Invento riunioni, improbabili partite di calcetto per alimentare questo teatrino delle falsità. Rispondi alle mie bugie con un va bene, senza domande, senza sospetti. Lei si avvicina e mi bacia, ci scambiamo il sapore del caffè appena bevuto; è così semplice amarla…

METTI UNA SERA A CENA: Più tardi, sdraiato nel letto di mia figlia, collocazione che mi veniva assegnata ogni qualvolta la piccola aveva un incubo, inviai un messaggio alla nuova amica del supermercato chiedendole della sua cena. Mi rispose entusiasta dopo pochi secondi e rinnovò l’invito a cena. Accettai e fissammo per il giovedì successivo dopodiché mi addormentai sotto gli sguardi carichi di disapprovazione che mi riversarono i pupazzi di mia figlia.

NON FA TANTO FREDDO: Dodici anni fa attraversai quella strada con unastupida ghirlanda di alloro in testa per abbracciarti e chiederti di restare. Ora tu continui a cercare riparo dietro di essa per sfuggire alle tue colpe, alle tue ragioni e a chi distrattamente ti passa accanto. Un pensiero molesto e fugace mi attraversa la mente, quasi mi spinge ad attraversare quella via, a scansare ancora una volta il traffico per raggiungerti e ricreare, come due attori impacciati, una nuova scena perché la precedente ha fallito.

AL LIMITE, L’AMORE: Ci sono stati momenti in cui la vecchia parte di me, quella sbagliata, ha cercato di fare capolino. A volte è capitato che, trovandomi a casa da sola la sera, mentre Marco era costretto a lavorare fino a tardi, mi sia mangiata un’intera pizza accompagnata da una birra. Poi ho pianto tanto, sopraffatta dai sensi di colpa, mentre nascondevo ogni traccia di ciò che consideravo il peggior tradimento nei suoi confronti: consumare carboidrati la sera.

LA MIA OPINIONE SUL LIBRO

In questi racconti, Tania Mignani affronta a viso aperto l’amore, con tutte le sue sfaccettature, da quelle più scontate, a quelle più profondamente dolorose. Mi ha colpito molto l’empatia che traspare in ognuno di essi, anche in quelli dove descrive le situazioni più ciniche. Penso non sia facile per una donna affrontare questi temi con lo stesso agio che ha dimostrato l’autrice. Si sa, alcune donne, determinate situazioni non le vogliono neanche considerare. Tania invece si è tolta la classica fetta di prosciutto dagli occhi e ha affrontato tutto senza inutili veli di finta inconsapevolezza, perchè in fondo noi donne sappiamo… sappiamo sempre, ma a volte preferiamo non guardare, non ascoltare, soprattutto il non detto e non parlare.
L’autrice ci mostra che i rapporti iniziano e dopo i più svariati percorsi di vita, cambiano… questo allontana o avvicina indissolubilmente.
Il modo in cui analizza le motivazioni apparentemente nascoste, che portano un uomo o una donna a cercare altrove quello che non trova nel compagno, è sfacciatamente veritiero.
Gli spunti di riflessione sono molteplici e non si possono non recepire.
Tania, con questo libro ha, a mio avviso, aperto una finestra su realtà scomode che sia uomini che donne dovrebbero leggere e perchè no, far partire un esamino di coscienza.

 

Potete acquistare L’altra di Tania Mignani
inviando una mail a edizioniconvalle@gmail.com,
su Ibs o cliccando sull’immagine sottostante

L'altra Tania MIgnani

This entry was posted in Recensioni and tagged , , , , , , . Bookmark the permalink.

One Response to L’altra

  1. Stefania Convalle says:

    Wow, bellissima recensione, incantevole video! Davvero un bel lavoro! Grazie!

    Stefania

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *