Il silenzio addosso

Stefania Convalle ha al suo attivo numerose pubblicazioni:
romanzi, poesie, racconti, opere sperimentali, come “Dalla A alla Zeta” scritto in collaborazione con altri tre autori.
L’ultimo romanzo, “Dipende da dove vuoi andare”, ha vinto il Premio Giovani “Microeditoria di qualità” 2017,
ed è stato presentato nel programma “Milleeunlibro” di Rai Uno.
Scrittrice, organizzatrice di eventi culturali, ha fondato il Premio Letterario “Dentro l’amore”;
Writer Coach, Talent Scout, Stefania Convalle è anche editrice dal 2017, anno di fondazione della Edizioni Convalle,
“una casa editrice col cuore d’autore”, come ama definirla.

DESCRIZIONE

Il silenzio addosso” è un romanzo a più voci dove i protagonisti si raccontano, coinvolgendo il lettore nelle loro vicissitudini.
Chiara, Giulia, la Sciamana, Alessandro, Edoardo e Fabio: insieme sapranno trovare una nuova speranza di vita.
Un romanzo avvincente che analizza le pieghe dell’anima con i suoi silenzi.

 

LASCIO CHE IL LIBRO SI PRESENTI

 

IMPOTENZA:  Non è la mia ora, mi ha detto un prete che cercava le parole per consolarmi, mi ha sussurrato quella frase che si dice sempre quando le parole sono finite: i disegni di Dio sono incomprensibili a noi uomini. L’ho guardato, rabbia e disperazione creavano un maremoto e non sapevo se sarei stata capace di arginare le acque torbide e impetuose della mia disperazione. Ma gli occhi parlano e quelli dell’uomo dal colletto bianco erano sinceri e pieni di comprensione.

SILENZIO: Silenzio. Anche il silenzio è un linguaggio, difficile da capire, ma forte e d’impatto che può penetrare muri spessi e ricoperti di edera. Il silenzio parla e quello di Chiara era pieno di suoni soffocati. Si distese nella penombra della stanza che era diventata per lei un momento di pausa, quasi potesse spegnere l’interruttore del cervello e viaggiare attraverso strane energie che, da nere, cominciavano a mostrare sprazzi di colore quando aveva le mani della donna appoggiate sul suo corpo.

SEGRETI: Fumava e raccontava, senza sosta, come se avesse improvvisamente ritrovato il gusto del suono della sua stessa voce. Però non mi convinceva fino in fondo, non so, l’ascoltavo e la osservavo… Troppo facile, c’è qualcosa che non mi quadra, mi dicevo, una nuova casa non può ribaltare tutto in un attimo. La solita diffidente, era più forte di me. Eppure, anche se avvertivo un cambiamento in lei, sentivo che sotto sotto quel dolore che era evidente i primi tempi, pulsava ancora. Non era affatto scomparso.

LASCIARSI ANDARE: Non stasera. Stasera no. Stasera piove e io voglio dimenticarmi di essere una donna sensata, con la testa sulle spalle, folle ma non troppo, sempre proiettata verso il raggiungimento di mete a un passo da me, almeno in passato lo ero, ora l’unica meta è arrivare viva a fine giornata.
Stasera no. Voglio fare qualcosa di folle davvero. Non voglio pensare.

LA MIA OPINIONE SUL LIBRO

Quella di Stefania Convalle, è una scrittura delicata, quasi sussurrata. Descrive i dolori, le ansie e ogni sfaccettatura degli stati d’animo, e lo fa provando reverenziale rispetto per ognuna di esse. Lei non si limita a descrivere la natura delle emozioni. Stefania lo fa come se in ognuna di esse vedesse la persona in carne e ossa. Questo la porta a scriverne quasi usando dei guanti di velluto, come se nel raccontarci i suoi personaggi, li stesse accarezzando, consolando, abbracciando. Ci immerge nelle loro vite, nelle loro esperienze e ci rende inevitabile sentirci coinvolti da ognuno di loro.
Il silenzio addosso è una storia dolorosa. Percepiremo sulla nostra pelle lo strazio di Chiara, donna che deve affrontare una terribile esperienza. L’autrice, convergerà sul cammino di Chiara, una serie di personaggi che la condurranno verso la rinascita e le daranno la forza di reagire. Questa è un’altra caratteristica delle storie di Stefania Convalle. Le “sue donne” anche se apparentemente fragili, trovano sempre il modo, la forza per rinascere a nuova vita. Non dimenticano il loro passato, anzi, imparano da esso e ripartono con il peso delle loro esperienze. Ma è un peso sopportabile, perche tutte le prove a cui veniamo sottoposti, ci arricchiscono e aiutano a sviluppare lati di noi che non sapevamo di avere.
L’autrice dimostra, inoltre, una grande abilità nel passare da un personaggio a un altro senza mai perdere per strada le caratteristiche fondamentali di ognuno di loro.
Questa nuova opera di Stefania Convalle, è una conferma del suo naturale talento.

 

Potete acquistare “Il silenzio addosso” di Stefania Convalle
inviando una mail a edizioniconvalle@gmail.com, su Ibs
o cliccando sull’immagine sottostante

Il silenzio addosso Stefania Convalle

 

This entry was posted in Recensioni and tagged , , , , , , , , , , , , . Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *